BLOG

POSIZIONAMENTO DI UNA PROPOSTA ARTISTICA: PERCHE’ E’ IMPORTANTE

Da molti anni ormai faccio attivamente parte del pubblico di diversi eventi culturali e/o musicali, di stampi anche diametralmente opposti.
Ho partecipato a concerti pieni di gente e anche ad altri in cui eravamo solo in sei seduti ad ascoltare; mi sono guardata attorno e ho scoperto di essere la più giovane tra il pubblico – spesso – e altre volte, invece, ho constatato di essere esattamente parte dell’età media del pubblico.
Ho partecipato a concerti in luoghi tradizionalmente deputati alla musica dal vivo, ma anche in situazioni decisamente fuori dalle consuetudini.
Se ci rifletti, probabilmente anche tu hai avuto esperienze simili.

Poi, negli anni, ho iniziato a trovarmi dall’altra parte: ho continuato a essere pubblico di eventi culturali, ma contemporaneamente mi sono messa a organizzarne alcuni.
Prima quasi per gioco, poi per lavoro.

OSSERVARE, PER COMPRENDERE: L’ESEMPIO DEL SUN ROCK FESTIVAL

L’esperienza tramite cui ho messo le basi di quello che poi sarebbe stato parte integrante del mio mestiere è far parte di un’associazione di amici con cui ho organizzato da quando avevo 15 anni il Sun Rock Festival, che ora è un festival rock’n’roll anni ’50 che si svolge a Sarmato (un paese di meno di 3000 abitanti in provincia di Piacenza) ogni anno.
In quel caso, tutto è nato e cresciuto grazie alla passione di giovani ragazzi – ora un po’ meno giovani! – che semplicemente volevano creare in paese qualcosa che ancora non c’era: una festa a cui avrebbero voluto partecipare per primi.
Negli anni la proposta è cambiata, s’è definita per quella che abbiamo sempre guardato come a una specie di casualità, invece s’è trattato di quella che potremmo chiamare analisi di mercato.
Nelle prime edizioni il festival era semplicemente una festa con band di ragazzi che animavano le serate: minimo comune denominatore era che non si suonasse il liscio, unica proposta in paese nelle altre manifestazioni.
Negli anni il gruppo è cambiato, fino quasi a disgregarsi e dopo un paio di edizioni davvero sottotono nel 2007 in pochi amici abbiamo pensato di cogliere l’occasione dell’anniversario di Sgt Pepper’s Lonely Heart Club Band dei Beatles (se non conosci quest’album rimedia subito!) per fare una festa a tema anni ’60, che celebrasse i quattro musicisti di Liverpool.
L’anno successivo ci siamo detti: torniamo indietro nel tempo, andiamo negli anni ’50. Via con rock’n’roll, gonne a ruota, ciuffi improponibili e pin up. La festa è stata un gran successo: abbiamo notato come ci fosse un pubblico molto più definito, persone che evidentemente erano già abituate ad andare a feste a tema e le sceglievano proprio per la loro caratterizzazione.
Abbiamo deciso di replicare e di specializzarci.

COSA E’ CAMBIATO.

Ci sono state altre 10 edizioni a tema anni ’50 dopo quella del 2008.
Non abbiamo mai smesso di mettere qualche ingrediente particolare per caratterizzare sempre di più la nostra proposta.
Oltre alla scelta delle band e dei dj, che di anno in anno è sempre più attenta, abbiamo strutturato l’evento in modo che sia per il pubblico una vera e propria esperienza, un salto nel passato: chi lavora sulla festa è vestito a tema, abbiamo un merchandising dedicato, un mercatino vintage di tutto rispetto, parrucchiera e barber shop che possono occuparsi di acconciare il pubblico, stage di rockabilly jive, un menu che strizza l’occhio alle proposte made in USA, senza dimenticare l’ottima qualità tutta italiana.

Attorno al concerto c’è tutto un mondo, il mondo che gli appassionati vogliono vivere e che contemporaneamente stupisce chi invece di anni ’50 non sa nulla e si ritrova in un attimo in un’atmosfera incredibile.

Sun Rock Festival
foto: Matteo Zangrandi
vintage-market
Sun Rock Festival
foto: Matteo Zangrandi

SI PUO’, ANZI, SI DEVE FARE.

Nel mare magnum di festival/concerti/eventi che attualmente ognuno di noi si trova a poter frequentare, se si è organizzatori è ormai indispensabile caratterizzare la propria proposta per renderla indimenticabile.
Perché qualcuno dovrebbe venire proprio al tuo evento e non sceglierne un altro che si svolge contemporaneamente?
Sei sicura che la tua proposta sia davvero irrinunciabile e che quindi possa intercettare il pubblico e fidelizzarlo?
Conosci il tuo pubblico?

Tutte queste domande sono estremamente importanti e definiscono quello che è il posizionamento del tuo evento, ossia la connessione motivata che si stabilisce tra il tuo prodotto e il consumatore.
Da cosa è determinata questa connessione?
Porsi questi interrogativi è fondamentale per delineare la propria proposta e farla crescere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *